fbpx
skip to Main Content

La sindrome del viaggiatore “Wanderlust”

Lo sapevi che esiste un fenomeno psicologico chiamato “sindrome del viaggiatore”?

Questo fenomeno viene descritto con la parola tedesca Wanderlust che si riferisce proprio al desiderio di viaggiare.

SINDROME DEL VIAGGIATORE: DA COSA DERIVA WANDERLUST

Se traduciamo il termine tedesco nel corrispettivo italiano, otteniamo la seguente definizione: sindrome del viaggiatore.

Nella lingua italiana, questo fenomeno psicologico suona come qualcosa di assolutamente negativo, sensazione che invece scompare se utilizziamo il termine tedesco. In wanderlust infatti c’è qualcosa che rende questo fenomeno interessante e che trasmette un pizzico di magia.

Passando ora ad analizzare il termine originale, Wanderlust, scopriamo che si compone di due parole, “Wandern” ovvero vagare e “Lust” cioè desiderio.
In altre parole questa sindrome si esprime nel forte desiderio di viaggiare.

 

NON UNA VERA E PROPRIA MALATTIA, PERÒ

Il desiderio irrefrenabile di non stare fermi è quindi una sindrome il cui pericolo potrebbe essere legato, principalmente, al dispendio economico.

Si tratta di una sindrome effettivamente riconosciuta a livello scientifico e giustificata da uno specifico gene presente nel nostro DNA.

In sintesi questa sindrome potrebbe aiutarti a giustificare la tua inspiegabile voglia di patire!

 

SINDROME DEL VIAGGIATORE: I SINTOMI

Si dice che esistano moltissimi sintomi riconducibili alla sindrome del viaggiatore. Tra questi troviamo:

  • ripensare spesso ai viaggi passati
  • Parlare sempre di viaggi
  • Insofferenza che si presenta dopo una lunga astinenza da viaggi
  • Amicizie sparse per il mondo
  • Rientrare da un viaggio e pensare già al successivo

Se pensi di essere soggetto ad almeno due tra questi “sintomi”, probabilmente fai parte di quel gruppo di persone che non riesce proprio a resistere alla voglia di viaggiare.

WANDERLUST, UN CONSIGLIO: NON CERCATE DI CURARLA.

Viaggiare è un’esperienza unica, in grado di aprire le nostre menti e i nostri orizzonti. Viaggiare significa tornare a casa arricchiti di nuove esperienze e conoscenze. Si tratta di un’occasione unica per crescere e continuare ad imparare. Alla luce di tutto questo, non si dovrebbe mai rinunciare al viaggio.

Quindi partite, viaggiate e “contagiate” quante più persone possibili con la vostra pazza voglia di esplorare il mondo.

 

Cosa vuol dire studiare all’estero?

Back To Top